Breaking Bubbles – un evento di inclusione a Macerata

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

Breaking Bubbles è un evento che si è svolto il 18 luglio 2021 presso i Giardini Diaz di Macerata. Promotori dell’iniziativa sono stati il Centro Orizzonte, che fa capo alla nostra Cooperativa sociale Il Faro, e il Comune di Macerata.

Breaking Bubbles significa letteralmente “rompere le bolle”, dove le bolle sono l’isolamento delle famiglie con bambini autistici: scopo principale è stato quello di sensibilizzare la comunità maceratese, e non solo quella, sul tema dell’autismo.

Breaking Bubbles rientra all’interno del progetto C.O.M.E. A. C.A.S.A, un progetto triennale che mira a migliorare la qualità della vita di bambini con sindrome dello spettro autistico (nella fascia d’età 3-14 anni) e delle loro famiglie, attraverso l’avvio di laboratori educativi integrativi A.B.A. (Applied Behavior Analysis) all’interno del piano terapeutico con riguardo alle dinamiche relazionali, di selettività alimentari, comportamentali; il miglioramento dei servizi attraverso la digitalizzazione dei processi e innovazioni tecnologiche; l’aumento delle hard e soft skill degli addetti ai lavori; le azioni di follow up per genitori e la costruzione di una COMunità Educante INtorno per una rinnovata integrazione sociale.

Tornando alla Rottura delle Bolle, il programma ha previsto laboratori di inclusione, la proposta di libri con la Bibliovaligia, momenti musicali, street food, e la firma del Patto educativo tra l’Amministrazione comunale di Macerata, la cooperativa sociale Il Faro e le Famiglie con bambini che frequentano il Centro Orizzonte.

Quest’ultima è la cosiddetta azione COME IN ( COMunità Educante INtorno) che prevede la costruzione di una rete sociale (bambini, famiglie, amministrazioni, agenzie educative), capace di promuovere iniziative che educhino alla riscoperta dei valori di uguaglianza e di accettazione delle altrui “diverse-abilità”, come risorsa di crescita individuale e comunitaria.

 

 

 

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

Potrebbe anche interessarti