Il Progetto Help: l’inclusione sociale del disagio psichico

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

 

Oggi vogliamo raccontarvi del progetto Help, che nasce dall’esigenza di fornire interventi atti a favorire l’inclusione sociale dei soggetti affetti da disturbi mentali e/o da disagio psichico e a promuovere il sostegno delle loro famiglie. L’obbiettivo generale del progetto è quello di rispondere ai bisogni di sostegno, d’integrazione e di autonomie delle persone in situazione di disagio psico-sociale, offrendo sollievo alle famiglie e agli utenti del servizio residenti nei comuni dell’ATS 15.

Con questo progetto vogliamo raggiungere molteplici traguardi:

  • combattere la solitudine e l’emarginazione che si crea intorno alla persona che vive un problema di salute mentale;
  • favorire l’accoglienza e la presa in carico delle famiglie che vivono, direttamente o indirettamente, il problema;
  • predisporre una Rete di Servizi e di risposte finalizzate all’inserimento sociale in tutte le realtà territoriali: sociale, culturale, sportiva, produttiva…;
  • rispondere in maniera adeguata ai bisogni dei soggetti psichiatrici, individuando risorse e contesti nel territorio che offrano occasioni di integrazione e attività finalizzate alla ricostruzione di relazioni sociali;
  • proporre un’offerta ampia e diversificata di attività e laboratori che favoriscono il benessere, l’autodeterminazione ed una migliore qualità della vita degli utenti;
  • favorire la partecipazione ad attività esterne, che mirano all’inclusione della persona nel contesto di appartenenza in rete con altri interlocutori pubblici, del Terzo Settore e privati e con i servizi sociali e sanitari.

Il sabato e la domenica pomeriggio organizziamo uscite di gruppo sul territorio, partecipiamo all’Opera, andiamo al Cinema. Le attività vengono programmate in base alle esigenze e agli interessi degli utenti, cercando sempre di prestare attenzione alle dinamiche relazionali all’interno del gruppo: solitamente infatti, chi soffre di un disturbo psichico fatica nelle relazioni con gli altri e, per tale motivo, può essere utile l’esperienza di socializzazione e condivisione in gruppo, dove l’esperienza specifica del personale impiegato nel servizio e la conoscenza di lunga data dell’utenza che frequenta il Servizio consente di modulare gli interventi e saper individuare il tipo di protezione specifica e adeguata al singolo utente.

Le attività organizzate sono mirate all’apprendimento e alla graduale ripresa delle relazione nella comunità territoriale di riferimento, dopo il lungo periodo di paura e le restrizioni imposte per la prevenzione e il contenimento del Covid-19.

Vogliamo ringraziare l’Ambito Territoriale Sociale 15 (Comune capofila Macerata) e l’IRCER che ci ha messo a disposizione uno spazio, al centro di Macerata, situato in piazza Mazzini, che utilizzeremo per realizzare laboratori creativi e dare la possibilità agli utenti di sperimentarsi attivamente, sviluppando le proprie abilità.

Vi lasciamo con alcune foto di fine estate: i compleanni che abbiamo festeggiato e  le gite fuori porta ai Vurgacci (Pioraco) e a Rasiglia.

 

Gallery
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

Potrebbe anche interessarti