Prendersi cura degli anziani: la testimonianza di Martina

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Gli Operatori Socio Assistenziali sono figure fondamentali nella realtà quotidiana degli anziani.

Li aiutano infatti nella gestione della loro vita di tutti i giorni, accompagnandoli durante le commissioni e le visite specialistiche, supportandoli nella preparazione dei pasti e nello svolgimento delle attività domestiche (quando l’assistenza è svolta presso il domicilio della persona assistita) e occupandosi della loro igiene e della somministrazione dei farmaci.

Tuttavia, ciò che fa la differenza nel rapporto tra operatore e assistito è la capacità del primo di ascoltare e comprendere i bisogni dell’altro. Bisogni che spesso sono più che altro di natura sociale e psicologica.

Ma cosa ne pensano gli operatori?

Abbiamo raccolto la testimonianza di Martina, che assiste Letizia e Rodolfo presso la propria abitazione.

“Letizia e Rodolfo sono le persone che seguo tutti i giorni e sono diventati la mia nuova famiglia. Così come io sono diventata parte della loro.

Il mio lavoro varia molto in base alle loro esigenze. Le nostre giornate iniziano generalmente alle 8:00: sono entrambi autosufficienti, ma Letizia ha difficoltà nei movimenti alla gamba destra. Quando arrivo a casa loro, la prima cosa da fare è aiutarla ad alzarsi dal letto e a riattivare la muscolatura della gamba. Dopodiché facciamo colazione. I pasti sono momenti importanti per loro: li prepariamo e mangiamo insieme ed è quindi un momento di attività e convivialità, durante il quale a volte chiacchieriamo del più e del meno (Rodolfo ha sempre un sacco di storie sul suo periodo di giovinezza) e in altre esprimono le loro perplessità e preoccupazioni.

La terza età è infatti un periodo delicato della vita della persona, che può generare timori. Il mio compito è anche quello di lasciare che Letizia e Rodolfo esprimano i loro pensieri e di ascoltarli e poi rassicurarli o aiutarli a capire la situazione.

È un lavoro appassionante e stimolante: ogni giorno è diverso, fatto di momenti felici e di momenti più complessi e delicati, ma il calore che possono trasmetterti queste persone fa superare tutti gli ostacoli.”

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe anche interessarti