“COME A CASA”, un modello d’intervento innovativo per i bambini con autismo

Come a casa
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

Giovedì 11 luglio, alle ore 11:30, alla presenza dell’Assessora della Regione Marche Manuela Bora si è svolta presso la sede della Cooperativa Sociale ‘IL FARO’, a Sforzacosta, la presentazione del progetto “Come a Casa” (Centro Orizzonte Metodi Educativi Analisi Comportamentale Applicata Sindrome Autismo).

Il progetto è stato selezionato dalla Regione Marche ai sensi del Bando POR Marche FESR 2014/2020 Asse 8-OS 22-Azione 22.1-Intervento 22.1.1- Imprese Sociali.

Propone una serie di interventi finalizzati all’innovazione dei processi assistenziali del bimbo con sindrome dello spettro autistico (nella fascia di età 2-14 anni) e della sua famiglia, per migliorarne la qualità della vita attraverso interventi nel processo di lavoro dei professionisti, nonché introducendo e sperimentando dispositivi e sistemi informativi altamente tecnologici in supporto alle terapie.

L’azione progettuale si concentrerà sul Centro Orizzonte di Macerata gestito dal 2015 dalla Coop. ‘IL FARO’, dove a oggi si effettuano interventi terapeutici specialistici ABA (Analisi Comportamentale Applicata) a circa 50 bimbi autistici.

come a casa

Nei 18 mesi di intervento verrà sperimentato un ‘Occhio Intelligente Artificiale IA’ dotato di Algoritmi Machine Learning in grado di registrare e analizzare il comportamento del bimbo rispetto agli stimoli esterni e durante le normali attività quotidiane (es. gioco, scuola, etc).

Grazie al sistema di analisi e ai moderni metodi della visione artificiale, saranno analizzate ad esempio stereotipie, grado di distrazione, capacità di attenzione e molto altro.

I dati rilevati, utili per la definizione delle terapie, confluiranno in piattaforme online dedicate per la gestione digitale del lavoro dei professionisti.

La digitalizzazione del processo favorirà la definizione delle terapie e l’organizzazione delle attività, al fine di monitorare l’efficacia dei processi terapeutici.

La sperimentazione comporterà anche benefici per la comunità. Permetterà infatti di seguire, anche da remoto, casi dislocati nel territorio difficilmente raggiungibili (come nell’entroterra marchigiano); inoltre potrà facilitare la formazione di un Cluster di Assistenza ABA territoriale per la sistematizzazione degli interventi (Welfare di Comunità) e la collaborazione tra aziende, Istituzioni, Enti di ricerca, professionisti, famiglie, stakeholders.

Il nuovo servizio offerto sarà valutato, in termini di efficienza e sostenibilità, sia nel modello di impresa proposto che nell’impatto sociale generato. L’impianto metodologico sviluppato e testato potrà costituire una ‘best-practice’ da proporre e trasferire in altri contesti territoriali nazionali e internazionali.
Il budget totale previsto per gli interventi programmati ammonta a 668.938,64 €, di cui € 324.769,32 fanno parte del contributo concedibile della Regione Marche e € 344.169,32 cofinanziati dalla Cooperativa sociale IL FARO.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

Potrebbe anche interessarti